Pettorina per Bassotto, misure e modelli consigliati

Il bassotto è una razza di origini tedesche famosa per la sua fisicità davvero singolare:
zampe corte (ma forti) e altezza inversamente proporzionale alla lunghezza del busto.

Qualcosa del genere, per essere più chiari:

bassotto

🙂

Il proprietario di un Bassotto lo sa bene, mai lasciarsi ingannare dal suo aspetto.
Nonostante petto e pancia sembrino quasi sfiorare terra è un cane dalle doti atletiche notevoli.

Selezionato per la caccia nelle foreste bavaresi all’inseguimento di tassi, volpi e lepri è un cane:

  • veloce (sì, non ci pare… ma è così!)
  • coraggioso (non si formalizza sulla stazza di eventuali antagonisti e avversari)
  • forte (le vedi quelle zampe corte? Sono degli escavatori dalla potenza inaudita :))
bassotto che salta

Hai ancora dubbi sulle “capacità ginniche” di un bassotto? 🙂

Circa la sua caratteristica peculiare di essere più lungo che alto:
secondo te quale razza poteva meglio intrufolarsi in tane e cunicoli per raggiungere le prede?

Da questo background venatorio molto specifico consegue un caratterino tutto pepe.
Come già detto coraggio e sfrontatezza non mancano al Bassotto.
Il suo temperamento sveglio e giocherellone va di pari passo con una viva intelligenza.
Quest’ultima, messa al servizio della proverbiale ostinazione e cocciutaggine nel perseguire l’obbiettivo, non promettono vita tranquilla a nessun padrone.

Il Bassotto è un cane fedele e amorevole.

Esiste in numerose varianti: pelo corto, pelo lungo, pelo duro.

Bassotto a pelo lungo liscio

Bassotto a pelo lungo liscio

È il cane tedesco per antonomasia (in inglese si chiama Dachshund), per decenni è stato uno dei simboli della Germania stessa.
Come vanno le cose in Italia in quanto a popolarità?




statistiche bassotto italia

Il record di iscrizioni è detenuto dalla tipologia a pelo corto, ma negli ultimi anni la tipologia a pelo duro ha praticamente raggiunto medesima diffusione.
Come al solito aggiungo il link alla scheda ENCI per tuoi approfondimenti.

Misure e modelli di pettorina consigliati per Bassotto

Bene, approfondiamo alcuni dettagli circa peso e dimensioni della razza per comprendere quale sia la migliore pettorina per Bassotto.

Nella taglia standard il Bassotto ha un peso compreso tra i 7,3 kg e i 9,5 kg.

Curiosità
Il Bassotto è una razza che tende con facilità ad ingrassare.
[Indovina chi è il cane più grasso al mondo?]
Occorre prestare attenzione all’alimentazione del cane e al mantenimento del peso in quanto la sua particolare conformazione fisica potrebbe condannarlo a problemi di schiena, guai articolari, ernie e protrusioni discali.
È inoltre vivamente consigliabile tenere ben in attività il cane. La forte muscolatura di base – di cui dispone naturalmente – conservata in allenamento lo tutelerà dalle complicazioni sopra citate.
Leggi questo articolo per approfondire il tema ernia del disco in questa razza (e nel cane in generale).

Le dimensioni medie del Bassotto standard sono:

Altezza al garrese: 18-23 cm
Circonferenza del collo: 30 – 40 cm
Lunghezza della schiena: 30 – 45 cm
Circonferenza del torace: 40 – 45 cm




Quale, tra i vari modelli a nostra disposizione, è la pettorina indicata per tale fisicità?

Questo sito ritiene che la pettorina per bassotto ideale sia quella ad H, alla romana.

Tra le varie segnalo il modello specifico di Haqihana, appositamente sviluppato con un distanziale più grande, proprio per coprire con più efficacia la schiena del cane.
[HAQIHANA XSL e XXSL – con distanziale più lungo]

OK, ma perché preferire una pettorina alla romana anziché una svedese per il nostro amato Dachshund?

Perché scegliere il modello ad H per il tuo bassotto?

La scelta del modello alla romana non è casuale.

Benché il modello ad Y sia stato più volte indicato come una tipologia valida, il tipo ad H è più idoneo alla specifica razza del bassotto.

Per schiene tanto lunghe (che su individui fuori standard vanno tranquillamente oltre il mezzo metro) è giusto adottare una pettorina che abbia due punti di azione ben distanti tra loro.

modello ad y
Nell’immagine sopra puoi vedere l’applicazione di una pettorina ad Y (linee rosse).
Come è facile notare il guinzaglio (linea blu) sarà all’altezza delle scapole.
In questo modo eventuali forze di tiraggio interverranno maggiormente sulla zona cervicale e alto toracica, mentre al contempo la zona lombare risulterà meno stabile e più soggetta a movimenti “pericolosi”.

pettorina ad h

Senza dubbio il modello ad H risulta più equilibrato.
Nella raffigurazione che trovi sopra puoi apprezzare come le fasce di appoggio (linee rosse) siano più ampie e in zone separate. Le forze di tiraggio scaricheranno meglio.
L’attacco arretrato del guinzaglio – sulla zona mediana – garantirà una condizione di maggior stabilità e bilanciamento.

Ripeto, quanto esposto è ai fini precauzionali.

La vera prevenzione per problematiche di ernia nei bassotti si ottiene curando:

  • l’alimentazione, evitando cioè il sovrappeso
  • la forma fisica, con lunghe corse e passeggiate su terreni piani
  • l’educazione, al guinzaglio non si tira!

 



Bassotto Nano: l’esperienza diretta di una lettrice

Flamina, padrona di ben tre bassotti nani, ci scrive nei commenti condividendo la sua preziosa esperienza.

P.S.: Il bassotto nano è riconosciuto da standard (vedi scheda ENCI sopra linkata), a differenza di quei “nani” spacciati per Chiuaua e Maltese Toy, che in realtà sono solo delle estemporanee divagazioni di allevatori senza scrupoli.

Ho tre bassotti. Ho comprato pettorine ad H della hunter, molto valide ed esteticamente inappuntabili, tuttavia non sono riuscita ad utilizzarle.
Il bassotto, come da standard di razza, deve avere la punta dello sterno ben prominente con due fossette laterali ben disegnate.

Lo sterno prominente dei bassotti, particolarmente dei maschi si scontra con il tratto verticale della pettorina sul petto, “segando” lateralmente l’osso sternale alla destra o alla sinistra.

Decisamente migliori per i miei bassotti nani le pettorine HURTTA ACTIVE, assolutamente atraumatiche ed efficaci.

Unico limite generale delle pettorine nel bassotto è che, avendo le zampe molto corte, le pettorine si sporcano molto facilmente.

Insomma per evitare sfregamenti allo sterno del nostro amico meglio utilizzare una Hurtta con appoggi larghi e generosi.

Grazie mille a Flaminia per aver condiviso la sua esperienza con tutti i lettori di Pettorina.eu!

Bene, anche per l’adorabile salsicciotto è tutto.
Come al solito se sei padrone della razza trattata nell’articolo ti invio a riportare nei commenti di questa pagina la tua storia.

Leggi anche:

Posted in Razze.

2 Comments

  1. Ho tre bassotti. Ho comprato pettorine ad H della hunter, molto valide ed esteticamente inappuntabili, tuttavia non sono riuscita ad utilizzarle.
    Il bassotto, come da standard di razza, deve avere la punta dello sterno ben prominente con due fossette laterali ben disegnate.
    Lo sterno prominente dei bassotti, particolarmente dei maschi si scontra con il tratto verticale della pettorina sul petto, “segando” lateralmente l’osso sternale alla destra o alla sinistra.
    Decisamente migliori per i miei bassotti nani le pettorine HURTTA ACTIVE, assolutamente atraumatiche ed efficaci.
    Unico limite generale delle pettorine nel bassotto è che, avendo le zampe molto corte, le pettorine si sporcano molto facilmente.

    • Ciao Flaminia,
      grazie mille per aver condiviso la tua esperienza!
      Integrerò presto le tue informazioni all’interno del post.
      A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *